top of page

Scopo e utilizzo delle cinture di sicurezza in auto.

Aggiornamento: 22 giu 2023

Sono viste come un' imposizione eppure DEVONO essere sempre indossate, anche dai passeggeri ospitati dietro.


cinture di sicurezza

Introduzione:

Devono essere indossate da tutti gli occupanti eppure, secondo le statistiche dei sinistri rilevati, quindi la non totalità degli eventi reali, una quota di utenti pari al 20% non ne fa uso e la quota cresce sensibilmente, nei percorsi brevi e nelle aree urbane.

Per i passeggeri sui sedili posteriori, la percentuale di mancato utilizzo cresce ancor più, con punte fino al 60%, che non indossa mai la cintura di sicurezza quando è seduto dietro, costituendo quindi l’infrazione più diffusa tra gli automobilisti italiani.

Il sistema tecnologico di dissuasione, pure fastidioso, ovvero quel segnale acustico che induce ad allacciare le cinture ed ormai presente sulle auto di ultima generazione, ha portato un lieve miglioramento però sembra che una persona su 3, se ne avesse la possibilità, lo disattiverebbe.


Come combattere questa cattiva abitudine?

Su base normativa, l’argomento è trattato dall’art. 172 del C.d.S. laddove, sull'uso delle cinture di sicurezza e sistemi di ritenuta, è chiaro quando afferma che:

Il conducente e i passeggeri hanno l’obbligo di utilizzarle in qualsiasi situazione di marcia.

Trattandosi di obbligo di legge, sono previste sanzioni per chi viaggia senza cinture di sicurezza, con decurtazione di 5 punti patente e una multa da 80 a 323 Euro nei casi recidivi.

Peccato comunque, spiega Infortunistica Consulting che si debba ricorrere allo spauracchio delle sanzioni, quando basterebbe dare un'occhiata a questo breve video di Biomeccanica Forense per capirne l'importanza.


Non indossare la cintura di sicurezza comporta concorso di colpa in caso di incidente, con relativa riduzione del risarcimento danni.

Allacciare le cinture di sicurezza è previsto dal codice della strada (art. 172 c.d.s.) ed è finalizzato innanzitutto a tutelare la sicurezza di chi viaggia.

Oltre a mettere a rischio l’incolumità fisica di chi si trova in auto può avere delle conseguenze negative anche in caso di risarcimento danni da parte dell’assicurazione in conseguenza di un incidente.


Vediamo allora cosa accade in caso di risarcimento danni senza cinture di sicurezza in seguito a un sinistro stradale.

Nel caso di danni fisici riportati dal guidatore, l’assicurazione dopo aver valutato e calcolato l’entità delle lesioni, attraverso apposite perizie mediche, offrirà una determinata somma a titolo di risarcimento danni e procederà quindi a liquidarla nella sua interezza.

Nel caso in cui dovesse essere rilevato che non indossava la cintura di sicurezza si applicherà il cosiddetto concorso di colpa.


Concorso in lesioni, negazione di risarcimento

1) Per concorso di colpa si intende quel comportamento negligente da parte del creditore (in questo caso il conducente coinvolto nell’incidente, creditore nei confronti dell’assicurazione) che ha contribuito a causare il danno o che comunque ne ha aggravato le conseguenze, ciò si tradurrà in una diminuzione in percentuale del risarcimento, diminuzione spesso anche molto pesante, di solito dal 30 al 50% del danno calcolato.

2) Opposta è la casistica in cui l'assicurazione non riconosce il danno per mancanza di elementi strumentali che accertano il valore del punteggio assegnato dal medico legale nominato di parte, in questi è consigliabile rivolgersi a strutture specializzate, che si faranno carico di tutte le spese legali per ottenere il giusto risarcimento a tutela dei propri assistiti.


numero verde infortunistica

Per rimanere sempre aggiornato vai alla nostra pagina:

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page