Risarcimento polizza infortuni del conducente

La polizza infortuni del conducente NON è obbligatoria ma può essere aggiunta alla RC Auto come garanzia accessoria o sottoscritta come contratto separato.

La garanzia Infortuni conducente tutela chi si trova alla guida del veicolo responsabile del sinistro.

Come funziona?

Se mentre si è alla guida si causa un incidente e si riportano lesioni non si è coperti dalla propria Assicurazione, in quanto si è responsabili del evento lesivo.

Infatti la polizza RC Auto obbligatoria copre soltanto i danni agli altri veicoli, a cose, persone e animali di terzi coinvolti nell’incidente e i trasportati.

Ecco allora che per eventuali danni fisici subiti dal conducente in un sinistro con torto, l'unica possibilità di vedersi riconosciuto un risarcimento economico è tramite la polizza infortuni conducente.

In sostanza, la polizza infortuni conducente copre tutti i danni fisici subiti dal guidatore in caso di sinistro con colpa mentre si trova alla guida del mezzo.

Interessa sia gli incidenti dove l'unico veicolo coinvolto risulta essere quello guidato dall'infortunato che quelli riguardanti altre vetture.


Quanto costa la polizza infortuni conducente?

Ogni compagnia applica la propria tariffa che varia in base al massimale assicurato.

In ogni caso, il prezzo medio di una polizza che vi assicuri per i danni subiti dal conducente è di circa € 100,00 all'anno ed è applicabile anche ai veicoli a due ruote (che sono molto più soggetti ad infortuni del conducente)


Cosa paga la polizza infortuni conducente?

I danni fisici subiti dal conducente in caso di incidente con colpa, indipendentemente dal fatto che ci siano o no altri veicoli coinvolti.

Verranno risarciti all’assicurato le spese mediche e le lesioni conseguenti al sinistro, fino al massimale contrattualizzato.

Potrebbe essere previsto un capitale caso morte da pagarsi agli eredi in caso di decesso.

La presenza di tutte o parte di queste voci e l’ammontare dei risarcimenti saranno stabiliti nel contratto così come potrebbero essere previste delle franchigie o degli scoperti che vanno opportunamente controllati prima di firmare la polizza.

  1. Il massimale è l'importo indicato nel contratto di assicurazione che rappresenta la cifra massima indennizzabile da parte dell'assicuratore.

  2. La franchigia è l'importo minimo di ogni danno che rimane a carico dell'assicurato. I danni che hanno un importo inferiore alla franchigia rimangono integralmente a carico dell'assicurato.


In conclusione

La polizza infortuni conducente è una polizza sicuramente importante nella tutela assicurativa personale, ma essendo un contratto privato ci si deve assicurare che i limiti in essa contenuti siano ben chiari.

Non basta sapere di "essere assicurati", ci si deve fare spiegare dal proprio agente assicurativo quali sono i massimali assicurati , quali i limiti e quali le eventuali franchigie!.

Per la massima tutela è fondamentale avvalersi di professionisti altamente qualificati, punto di riferimento il portale Riskmanagement24.

Certo è che questo tipo di polizza non prevede mai grossi capitali, a maggior ragione, il premio richiesto non dovrà essere troppo elevato.

A tal proposito vi suggeriamo sempre, prima di concludere l'accordo, di consultarvi con un consulente specializzato in infortunistica stradale, che analizzando il contratto , saprà mettere in evidenza tutte le criticità in essa contenute.


Per rimanere sempre aggiornato vai alla nostra pagina: News & Aggiornamenti

60 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti