Strisce blu: senza aree di sosta gratuita nelle vicinanze il verbale è nullo

21/03/2019

 

Secondo Infortunistica Consulting sarà più semplice ottenere l’annullamento della multa per non aver corrisposto il prezzo del grattino.


È una questione cavillosa ma un’altra sentenza della Cassazione assesta un duro colpo alle amministrazioni comunali che fanno cassa con le aree di sosta a pagamento: parliamo delle famigerate strisce blu che hanno letteralmente invaso le aree urbane a discapito di quelle bianche, le zone di sosta gratuita che, nonostante le precisazioni del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti sui principi generali dell’art. 7 comma 8 del Cds, continuano a non essere previste.


“Qualora il comune assuma l’esercizio diretto del parcheggio con custodia o lo dia in concessione ovvero disponga l'installazione dei dispositivi di controllo di durata della sosta, su parte della stessa area o su altra parte nelle immediate vicinanze, deve riservare un’adeguata area destinata a parcheggio rispettivamente senza custodia o senza dispositivi di controllo di durata della sosta” recita il Codice che specifica come tale obbligo non sussista per le zone definite “area pedonale”, “zona a traffico limitato” e in altre zone di particolare rilevanza urbanistica, opportunamente individuate e delimitate dalla giunta comunale nelle quali sussistono esigenze e condizioni particolari di traffico.

A tal proposito, la Corte di Cassazione, sesta sezione civile, con l’ordinanza n. 18575 del 3 settembre 2014, sancisce la nullità del verbale se il Comune non prova l’esistenza di aree di sosta gratuita nelle vicinanze di quelle a pagamento.


In altre parole, secondo Infortunistica Consulting sarà più semplice per gli automobilisti ottenere l’annullamento della multa per non aver corrisposto il prezzo del grattino. Spetterà quindi al Comune dover provare l’esistenza delle aree di libera sosta nelle “immediate vicinanze” delle zone di sosta regolamentate, e non più al multato.


Nel caso specifico, i Giudici hanno accolto il ricorso di una donna multata per aver parcheggiato nell’area a pagamento delle strisce blu senza esporre il tagliando, ribaltando la sentenza di merito che aveva rigettato il ricorso della signora che aveva lamentato la totale inesistenza di zone gratuite contigue a quelle a pagamento. Per gli ermellini è onere del Comune produrre in giudizio le ordinanze che regolamentano la sosta nell’area. 
In particolare, per Giovanni D’Agata, fondatore dello Sportello dei diritti, esponendo un nuovo principio che senza dubbio farà discutere perché renderà più semplice l’annullamento delle multe per l’omessa esposizione del ticket, i giudici di Piazza Cavour hanno espressamente affermato che “nel giudizio di opposizione a verbale di accertamento di infrazione del codice della strada, grava sull’autorità amministrativa opposta, a fronte di una specifica contestazione da parte dell'opponente, che lamenti la mancata riserva di una adeguata area destinata a parcheggio libero, la prova della esistenza della delibera che escluda la sussistenza di tale obbligo ai sensi dell’articolo 7 comma 8 Codice della strada”

Please reload

Post Rilevanti

Infortunistica stradale e risarcimento danni.

28/05/2020

1/10
Please reload

Post Recenti

24/12/2019

Please reload

Archivio
Please reload

Seguici
  • Facebook nero tondo
  • Twitter Round nero
  • Google+ rotonda nera
  • LinkedIn nero tondo

​​​​© 2018 by Infortunistica Consulting S.r.l. - I.CON - PIVA 01479250290

Infortunistica Rovigo

Connettiti a Noi

  • Facebook nero tondo
  • Twitter Round nero
  • Google+ rotonda nera
  • LinkedIn nero tondo
  • Instagram - Black Circle