Multe: per la contestazione, l’auto va fermata solo in alcuni casi

03/07/2015

La contravvenzione e la contestazione immediata da parte della pattuglia della polizia: solo sulle strade urbane.

 

Spesso le auto della polizia presidiano le strade con apparecchi di controllo elettronico della velocità come i telelaser, ma poi procedono a elevare le multe senza fermare, nell’immediatezza, il conducente; la contestazione della violazione, insomma, avviene in un momento successivo all’illecito, ossia solo con la notifica della multa a casa, senza così dare al conducente la possibilità di difendersi subito, evitando di dover ricorrere al giudice di pace.

Ma non sempre la contestazione immediata è obbligatoria. Meglio, quindi, chiarire questo aspetto.

 

Il codice della strada stabilisce un principio generale in materia di contestazione immediata delle violazioni in materia di controllo dei limiti di velocità con dispositivi elettronici: gli organi di polizia stradale possono procedere all’accertamento e alla contestazione differita (ossia senza l’obbligo di fermare, nell’immediatezza, il conducente) solo su autostrade e strade extraurbane principali e secondarie, nonché su strade urbane ad alto scorrimento ovvero su singoli tratti di esse, individuati con apposito decreto del Prefetto.

Quindi, non basta solo il fatto che la strada su cui è elevata la multa sia una di quelle appena elencate, ma è anche necessario che sia intervenuto un apposito decreto del Prefetto (di cui il cittadino può sempre richiedere copia) ad autorizzare la polizia a effettuare tali contravvenzioni, senza cioè procedere alla contestazione immediata.

 

Pertanto, i controlli di velocità “da remoto” sono sempre possibili sulle strade “extraurbane principali” ma non sulle strade “urbane ordinarie“, mentre per quelle “extraurbane ordinarie” e per quelle “urbane di scorrimento” occorre l’autorizzazione del Prefetto, che può consentire l’installazione di autovelox sulla base di alcuni elementi quali la pericolosità, il traffico o la difficoltà di fermare il veicolo.

 

La preventiva valutazione da parte del Prefetto – tendente a verificare che, in concreto, sussistano le obiettive ragioni che legittimano l’impiego di strumenti di accertamento a distanza delle violazioni, in deroga al principio generale della contestazione immediata – è, pertanto, esclusa per le strade urbane di quartiere e per le strade locali , in quanto esse presentano caratteristiche strutturali e limitazioni di velocità tali da consentire sempre l’intervento diretto degli organi di polizia stradale e la conseguente contestazione immediata.

 

L’installazione in strade prive delle caratteristiche previste dalla legge rendono la multa annullabile, in quanto i tratti di viabilità ordinaria su cui autorizzare le postazioni fisse “trovano come limite insuperabile il tipo di strada”.

Si fa presente, infine, che l’avviso della presenza o dell’utilizzo dei dispositivi dev’essere fornito all’utenza, in qualsiasi strada venga installato il dispositivo, pena la nullità della contestazione per violazione di legge .

- See more at: http://www.infortunisticaconsulting.com

 

 

Please reload

Post Rilevanti

Infortunistica stradale e risarcimento danni.

28/05/2020

1/10
Please reload

Post Recenti

24/12/2019

Please reload

Archivio
Please reload

Seguici
  • Facebook nero tondo
  • Twitter Round nero
  • Google+ rotonda nera
  • LinkedIn nero tondo

​​​​© 2018 by Infortunistica Consulting S.r.l. - I.CON - PIVA 01479250290

Infortunistica Rovigo

Connettiti a Noi

  • Facebook nero tondo
  • Twitter Round nero
  • Google+ rotonda nera
  • LinkedIn nero tondo
  • Instagram - Black Circle