Rc auto: l’assicurazione non può aumentare il premio se la classe resta la stessa

19/02/2015

Risarcimento del danno subito dall’utente costretto a cambiare assicurazione e a pagare di più.

 

Alla scadenza annuale del contratto, l’assicurazione non può aumentare immotivatamente e in misura spropositata il premio della polizza rc-auto nei confronti dell’automobilista con una classe di merito invariata: e ciò vale anche se quest’ultimo vive in una zona urbana “calda”, ossia ad alto rischio di sinistri.

Diversamente, l’assicurato costretto, per tale ragione, a rivolgersi a un’altra compagnia, perdendo le condizioni favorevoli già acquisite in anni con la precedente, e dunque dovendo pagare una cifra annuale maggiore, può chiedere il risarcimento del danno alla ex assicurazione.

 

A dirlo è una recente sentenza emessa dal giudice di pace di Salerno.

 

Si configura, in tali casi, una violazione della regola di correttezza nell’esecuzione del contratto da parte di assicurazione, se l’utente è costretto a rivolgersi altrove pagando di più. In pratica, la condotta della compagnia rientra nell’abuso della posizione dominante.

 

 

 

In tal caso, il risarcimento del danno che si può richiedere è quello della maggiore somma che si è dovuto sborsare nel passaggio alla nuova assicurazione ed, eventualmente, in una ulteriore somma liquidata in via equitativa.

- See more at: http://www.infortunisticaconsulting.com

Please reload

Post Rilevanti

Infortunistica stradale e risarcimento danni.

28/05/2020

1/10
Please reload

Post Recenti

24/12/2019

Please reload

Archivio
Please reload

Seguici
  • Facebook nero tondo
  • Twitter Round nero
  • Google+ rotonda nera
  • LinkedIn nero tondo

​​​​© 2018 by Infortunistica Consulting S.r.l. - I.CON - PIVA 01479250290

Infortunistica Rovigo

Connettiti a Noi

  • Facebook nero tondo
  • Twitter Round nero
  • Google+ rotonda nera
  • LinkedIn nero tondo
  • Instagram - Black Circle