• I.Consulting

QUANDO RICORRERE AL FONDO VITTIME DELLA STRADA


La prima domanda che sorge parlando di risarcimento danni contro ignoti, è certamente questa: chi li paga i danni?

Essendo infatti il danneggiante non identificato ci si chiede chi risarcisce i danni al suo posto.

Secondo Infortunistica Consulting la riposta a questo quesito si chiama Fondo di garanzia per le vittime della strada , che è stato istituito proprio per tutelare e risarcire chiunque subisca un danno prima di tutto fisico a seguito di un sinistro stradale, laddove non c’è possibilità di ricorrere direttamente all’assicurazione del danneggiante perché ad esempio non assicurato o come nel caso di cui stiamo parlando, non identificato.

Aggiunge Infortunistica Consulting che Il Fondo di garanzia, di volta in volta designerà una compagnia assicuratrice che provvederà a svolgere tutte le operazioni di accertamento sul sinistro fino alla liquidazione del risarcimento danni.

Il risarcimento danni contro ignoti non copre tutti i danni subiti a seguito di sinistro stradale.

In particolare sono i danni all’autoveicolo che vengono risarciti solo in presenza di determinate condizioni. Ma andiamo con ordine. Se un pirata della strada ha causato un incidente nel quale il danneggiato ha subìto lesioni fisiche, il risarcimento potrà coprire integralmente questo tipo di danno, a prescindere dalla sua entità.

Quindi si può dire che il risarcimento danni contro ignoti per le lesioni fisiche è sempre previsto. Diverso è invece il discorso relativo ai danni subìti dal veicolo. In questo caso, infatti, il risarcimento contro ignoti si potrà ottenere soltanto se dal sinistro sono derivate lesioni fisiche gravi alla persona. Ma in cosa consistono le lesioni gravi? Si parla di lesioni gravi (o non lievi) quando il danno fisico accertato compromette l’integrità psicofisica del danneggiato in misura superiore al 9% .

In questi casi spiega Infortunistica Consulting è previsto quindi il risarcimento contro ignoti anche in caso di danni alle cose, seppur in presenza di una franchigia di 500 euro, il che significa che il danno sarà risarcibile solo se superiore ai 500 euro e solo per la parte eccedente tale soglia. Quindi, ad esempio, in caso di danno valutato 3.000 euro, sarà risarcita solo la parte superiore a 500 euro, vale a dire 2.500 euro.


0 visualizzazioni

​​​​© 2018 by Infortunistica Consulting S.r.l. - I.CON - PIVA 01479250290

Infortunistica Rovigo

Connettiti a Noi

  • Facebook nero tondo
  • Twitter Round nero
  • Google+ rotonda nera
  • LinkedIn nero tondo
  • Instagram - Black Circle