• Infortunistica Consulting

Assicurazione: l’invito alla visita medico-legale non interrompe la prescrizione


Dopo due anni scatta la prescrizione del diritto al risarcimento del danno nonostante il liquidatore dell’assicurazione abbia inviato la lettera con cui comunica il perito fiduciario della compagnia: non si tratta di ammissione del diritto del danneggiato.

Capita spesso che, durante una procedura di liquidazione del danno, avviata da una assicurazione, quest’ultima spedisca all’infortunato, prima ancora di accertare le eventuali responsabilità del sinistro, una lettera in cui lo invita a prendere contatti con il medico-legale ai fini della visita. La perizia servirà per quantificare il danno.

Attenzione però: tale missiva è una semplice comunicazione e non una ammissione di colpa o del diritto al risarcimento della controparte.

Lo ha detto la Cassazione in una recente sentenza .

Pertanto, l’assicurazione può sempre fare dietrofront e negare, all’esito dell’intera procedura e nonostante l’avvenuta visita, la liquidazione del danno.

Ma non solo: tale lettera non può neanche essere considerata come un atto che interrompe la prescrizione del diritto al risarcimento . Infatti, la prescrizione si interrompe solo con il riconoscimento esplicito del diritto della controparte, mentre tale comunicazione non è che una tappa della procedura di liquidazione.

Il risultato pratico è tutt’altro che di poco conto: se, per una ragione o per un’altra, la procedura di liquidazione prende le lunghe, anche perché attivata tardivamente dall’interessato, e nel frattempo decorrono due anni, il diritto al risarcimento si prescrive e nulla più può vantare il danneggiato.

- See more at: http://www.infortunisticaconsulting.com


0 visualizzazioni

​​​​© 2018 by Infortunistica Consulting S.r.l. - I.CON - PIVA 01479250290

Infortunistica Rovigo

Connettiti a Noi

  • Facebook nero tondo
  • Twitter Round nero
  • Google+ rotonda nera
  • LinkedIn nero tondo
  • Instagram - Black Circle